Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


15:00-00:00 da Lunedì al Sabato
09:30-00:00 Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Ottobre 2021 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
      1
  4  5  6  7
11121314
18192021
252628

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 83 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Lunedì 25 Ottobre 2021 20:30
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Il ruolo della Psicologia negli Scacchi
Didattica - Documenti didattici
Scritto da Ivano Pollini   
Giovedì 19 Maggio 2011 17:10

psicologia Desideriamo ringraziare SoloScacchi, a cui l'Accademia e l'Autore con molto piacere hanno concesso la pubblicazione di questo articolo.

 

Tradizionalmente la letteratura scacchistica analizza posizioni di apertura, mediogioco e finali come base fondamentale delle conoscenze del giocatore. Tuttavia non sempre lo studio e l’applicazione dei principi di scacchi è sufficiente per raggiungere l’obiettivo finale del gioco, cioè la vittoria. Infatti elementi della personalità del giocatore, quali il carattere, la volontà e l’attenzione, possono determinare il successo o il fallimento della battaglia scacchistica.

La psicologia umana, in relazione al gioco degli scacchi, è stata studiata per la prima volta durante il Torneo di Mosca del 1925 da parte dell’Istituto di Psicologia, i cui risultati hanno indicato la sua importanza per la competizione. Tuttavia questa ricerca non ha molto influito nella pratica del gioco e non ha neppure indicato come evitare errori e sviste che avvengono quasi in ogni partita. Ma nuovi studi su questo argomento da parte di psicologi e scacchisti hanno inquadrato in seguito il ruolo dei fattori emotivi e il loro controllo, i difetti dell’attenzione, ed altri elementi psicologici, che condizionano negativamente i processi logici del giocatore. Si sono infine presentate le caratteristiche individuali di alcuni campioni, come Morphy, Lasker, Capablanca e Fischer ed altri, non solo per la l’abilità nel gioco o la tecnica scacchistica, ma anche in relazione alla loro personalità, considerata da un punto di vista psicologico o psicoanalitico.

Scaricate il testo completo in allegato:

Ivano E. Pollini, Accademia Scacchi Milano - Il ruolo della Psicologia negli Scacchi - Maggio 2011