Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


09:30-12:00 Domenica
15:00-19:00 Mar,Mer,Gio,Sab,Dom
20:00-02:00 da Martedì a Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Novembre 2017 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3
  6  7  8  910
1314151617
2021222324
27282930   

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 69 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Lunedì 20 Novembre 2017 13:02
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Il Turco batte Napoleone davanti a Villa Litta di Lainate
Cultura - Storia
Scritto da Fiorenza Viani   
Domenica 15 Settembre 2013 12:33

P1010460Sabato 14 settembre, ore 17:00 a Lainate, momento speciale: arriva la fanfara della banda di Lainate che apre la sfilata degli splendidi figuranti in costumi neoclassici del 1810 (sartoria La Scala di Milano).

Ad aprire la sfilata, otto pedoni bianchi (a2 Simone, b2 Ulisse, c2 Diego, d2 Giovanni, e2 Beatrice, f2 Daniela, g2 Lorenzo, h2 Tommaso) e otto pedoni neri (a7 Riccardo, b7 Emanuele, c7 Matteo, d7 Federico, e7 Giulio Maria, f7 Nicolò, g7 Dennis, h7 Valentina). Già posizionati sul “tavolino dei giocatori” stanno - col bianco - l’Imperatore Napoleone Bonaparte in alta uniforme e - col nero - il Turco, con tanto di turbante rosso e pipa in mano. Segue lo schieramento delle formazioni bianche e nere ai lati della piazza-scacchiera, la spiegazione in rima del movimento dei pezzi con figuranti ben preparati e con un Giulio Maria Simeone ottimo pedone dimostratore. La voce narrante (io) introduce la partita con cenni storici inerenti a “chi era il Turco”, “come funzionava” “perché l’Imperatore di Francia lo sfidò” e si inizia la partita vera e propria con due eccellenti e divertenti attori ad interpretare i pensieri dei due contendenti che, alla scacchiera e sotto l’occhio vigile dell’AI Walter Ravagnati, muovono per davvero i loro pezzi, seguendo la trascrizione “ufficiale” della celebre partita. A mossa avvenuta, il mossiere declama la mossa ed i figuranti la mostrano al pubblico seduto sugli spalti. Al termine della partita (scacco matto all’Imperatore!), breve analisi della partita ed epilogo per “svelare il mistero” di chi – effettivamente – abbia giocato sotto le mentite spoglie del Turco.

P1010465Così narrata, pare semplice e banale, ma posso assicurare i lettori che si è trattato di una messa in scena piuttosto complessa ed articolata, con voce narrante, attori e giocatori, mossiere e figuranti che si dovevano coordinare senza commettere sbavature. Ma, quando si collabora con una Municipalità (quella di Lainate) che mette cuore ed anima in ciò che realizza, è ben difficile che le cose non vadano per il verso giusto. E – concedetemelo - quando si schierano sulla scacchiera i ragazzi di Accademia come pedoni mobili, non si può non fare bella figura. Grazie ad Ivo Merli, Assessore ed amico, grazie a tutti i membri della straordinaria Commissione Cultura di Lainate, grazie a tutti i volontari (il fonico, gli attori, i figuranti, i bimbi di Lainate che hanno impersonato i pedoni “fissi”) che hanno reso possibile questo momento di ricostruzione storica. Grazie ai nostri competenti giovani e giovanissimi figuranti: Giulio Maria Simeone, Ulisse Guidorizzi, Lorenzo Osmeni, Beatrice e Federico Montaruli, Giovanni Cristofani, Riccardo Farina, Tommaso Ratto, Nicolò Bombi che non si sono limitati a muoversi con precisione ma che hanno “vigilato” sui movimenti di tutti i figuranti, dando indicazioni puntuali, rapide e discrete.
P1010461Grazie all’AI Ravagnati, “giudice di gara” ma anche consulente storico della partita ed agli Istruttori, Stefano Leopardi e Roberto Montaruli (attentissimo e pronto ad intervenire durante la partita vivente) che hanno animato il gioco libero sia alle scacchiere sia ai pezzi giganti prima dell’inizio della partita. La scrivente si assume la responsabilità della stesura dei testi (disponibili per i soci curiosi). Vorrei concludere con un grazie gigantesco che va rivolto ad Alessandra Favero, nostra amica sincera ed instancabile fucina di idee e di proposte. E siamo già in curiosa attesa del suo prossimo progetto.