Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


15:00-00:00 da Lunedì al Sabato
09:30-00:00 Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Aprile 2020 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2
  6  7  8  91012
1314151617
202122232425
27282930   

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 172 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Lunedì 23 Marzo 2020 12:22
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



I Maratoneti: veri Atleti degli Scacchi!
Agonistica - Resoconti eventi speciali
Scritto da Fiorenza Viani   
Domenica 05 Gennaio 2014 12:06

Maratona la sala giocoVentisei folli hanno aderito all’invito dell'organizzatore Andrea Paganini e si sono cimentati nella estenuante maratona da cinquanta (50!!!) turni a 3’+ 2”. Il più giovane: Massimiliano Botta (12 anni) e il più vecchio (aggettivo pregno di filiale rispetto ed ammirazione): Gianfranco Cerè (75 anni).

In mezzo ai due “estremi”, un popolo di appassionati e di validissimi giocatori che hanno affrontato l’agone con serietà, impegno, sportività e coraggio. Mai un lamento, mai un cedimento, mai un appannamento…tranne – forse – negli ultimi turni serali durante i quali i ragazzi giocavano e sghignazzavano fra loro e gli adulti imploravano l’arbitro di accelerare i tempi. Inizio: ore 10:00; chiusura: ore 22:00 per dodici ore complessive e comprensive di due ore di pausa per due pasti e due pause caffè, una mattutina ed una pomeridiana. Implacabile, l’orologio luminoso a led nella sala scandiva la sequenza dei turni e, ancora più implacabile, l’Arbitro Walter Ravagnati faceva trottare i giocatori, bene inquadrati in un doppio girone all’italiana (andata e ritorno a colori invertiti) che è risultato perfetto per il numero dei giocatori partecipanti. Il Maestro Rolly Martinez è sempre bravo, sia che si giochi pensato, sia che ci si tiri addosso i pezzi: con 45/50 vince il torneo davanti alla “zampa più veloce di Accademia”, Benny Brociner, distaccato di 2.5 punti. Al terzo posto l’amico Giuseppe Andreoni, al quarto il bravo giocatore iraniano Mahmmood Darvishi ed al quinto il CM Roberto Pace. Premi di fascia: Elo (1800 – 2000), Federico Landais e Luca D’Avino; Elo (1600 – 1800): Dragan Krstic ed Aristide Zorzi; Elo inferiore a 1600: Jordan Peli e Romica Costisanu. Unica (e brava) signora: Rosa Maria Pabilonia. Si allega la classifica. Al termine del cimento, il Presidente Francesco Gervasio ha svolto un democratico “sondaggio a caldo” sulle impressioni ricevute dai giocatori. Stanchi ma soddisfatti, hanno chiesto di ripetere l’evento portando, però, il numero dei turni a cento (100!!!). Only the braves…..