Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


09:30-12:00 Domenica
15:00-19:00 Mar,Mer,Gio,Sab,Dom
20:00-02:00 da Martedì a Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Giugno 2018 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
      1
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
30 

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 63 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Sabato 16 Giugno 2018 18:10
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Giangiuseppe Pili's "L'Eterna Battaglia della Mente"
Cultura - Letteratura
Scritto da Fiorenza Viani   
Lunedì 22 Dicembre 2014 17:05

LEterna BattagliaSegnaliamo l'uscita del nuovo libro di Giangiuseppe Pili, L'eterna battaglia della mente Scacchi e filosofia della guerra. Un link da Scuola Filosofica ci permette di “buttare un occhio” al contenuto, riassunto nelle brevi note a seguire. Si allega una brevissima presentazione dell'autore.

"Ancora oggi gli storici non sono in grado di dire la parola definitiva sull'invenzione degli scacchi. Si sa che nel VI secolo gli scacchi erano presenti in India, ma non sappiamo se sono stati inventati o piuttosto siano il frutto evolutivo di qualcos'altro. Non c'è bisogno di scomodare la storia o l'archeologia per capire che la partita a scacchi è, innanzitutto, un combattimento in cui si affrontano due eserciti di forza uguale.........

Gli scacchi sono il primo wargame della storia e hanno una prerogativa evidente rispetto ai tradizionali giochi da tavolo: sono unasimulazionedi guerra, unsimbolostilizzato di quello che capita durante le battaglie. Ad iniziare dalla sua codifica estetica che ha soggiogato gli uomini di ogni tempo. Ogni singola partita di un torneo rappresenta una battaglia di una guerra. Come il libro racconta, gli scacchi si prestano a rappresentare la guerrain molteplici aspetti: massa combattente, strategia, tattica, psicologia e attività di conoscenza. Ma la compenetrazione tra il più ampio fenomeno della guerra e l'attività scacchistica è ancora più radicale di quanto possa apparire a prima vista. In questo lavoro, l’autore ha voluto tracciare in modo compiuto la metafora degli scacchi come wargame e come battaglia militare, ma anche indicarne il limite. Ha voluto sottolineare come gli scacchi, benché metafora di guerra, siano anche e soprattutto, tramitela condivisione della bellezza del gioco, uno strumento di pace e di fratellanza."