Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


09:30-12:00 Domenica
15:00-19:00 Mar,Mer,Gio,Sab,Dom
20:00-02:00 da Martedì a Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Giugno 2018 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
      1
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
30 

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 90 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Sabato 16 Giugno 2018 18:10
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Scacchi a Scuola: Materia di Studio online?
Giovanile - Comunicati giovanili
Scritto da Fiorenza Viani   
Martedì 10 Novembre 2015 18:45

De Chiara sorellinaCompaiono periodicamente trafiletti o paginoni sull’importanza degli scacchi definiti a volte “cibo per la mente”, a volte “zucchero per la mente”. L’amico Mauro Torelli ci segnala (grazie alla figliola, lettrice online di Repubblica) il link ad un articolo de L’Espresso che alleghiamo in pdf mentre la signora Belloni Menconi ci invia una pagina della rivista Vanity Fair che alleghiamo similmente. L’amico Stefano Leopardi ci invia il link ad un blog in cui si commenta la notizia che in Norvegia fra poco gli scacchi saranno diffusi gratuitamente in tutte le scuole primarie. Sul sito della FSI è comparso il trafiletto riguardante il progetto “Scacchi a Scuola” lanciato dalla FSI medesima in collaborazione con CONI e MIUR di cui alleghiamo testo in pdf. Attraverso la piattaforma Junior Arena online ci si prefigge di creare una rete di interconnessione scuole-insegnanti-allievi per la promozione e la diffusione capillare degli scacchi. Il progetto è di reale interesse. Resta solo da verificare che impatto avrà sulle scuole italiane, da sempre oberate dal disbrigo della propria pesante burocrazia interna e spesso poco sensibili a progetti esterni o poco inclini ad ampliare i propri orizzonti formativi.