Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


15:00-00:00 da Lunedì al Sabato
09:30-00:00 Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Luglio 2020 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 181 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Mercoledì 08 Luglio 2020 15:02
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Lichess per gli Allievi più giovani
Giovanile - Didattica giovanile
Scritto da Fiorenza Viani   
Venerdì 06 Marzo 2020 15:06

bimbo soloRoberto Montaruli si prende carico degli allievi più giovani e meno esperti ricordando e a proponendo la piattaforma lichess (lichess.org). Ecco le sue indicazioni: «E’ possibile organizzare partite via internet tra ragazzi che desiderano sfidarsi, oltre che svolgere esercitazioni online. Nel sito vengono proposti esercizi tratti da partite giocate sul sito medesimo con quesiti del tipo: «Tocca a te: che cosa giocheresti qui? Gli esercizi sono di tattica e possono concludersi in due modi, o col matto, o con un guadagno decisivo di materiale. Il quesito invita a giocare la mossa, o la sequenza di mosse. Questi esercizi possono andar bene per gli allievi più piccoli dei nostri corsi, a patto che si impegnino a risolverli nel modo corretto, che NON è PROCEDERE per TENTATIVI. Il modo corretto di procedere è guardare la posizione per due, tre minuti, cercare attentamente gli elementi tattici possibili (posizione esposta del re avversario, pezzi sospesi, allineamenti o geometrie che consentano di sferrare doppi attacchi, infilate, etc.) e, una volta evidenziati questi elementi, andare alla ricerca delle mosse candidate FORZANTI, considerando per ciascuna di esse le risposte possibili e, per ciascuna risposta, opzionare un'altra mossa FORZANTE, e così via fino alla conclusione di tutte le varianti. Poi si decide quale giocare, si gioca, e si verifica se risulta la migliore. L'esercizio è utile solo se si fa lo sforzo di effettuare il lavoro sopra descritto e se capita di non trovare la variante (succede pure a me) niente di male! L'obiettivo dell'esercitazione è allenare la capacità di calcolo e NON ricevere una gratificazione per aver risolto in modo casuale. Il voto, infatti, non lo dà l'istruttore a chi dice di aver risolto l'esercizio, ma lo assegna il futuro avversario quando, in torneo, si colgono e si sfruttano le occasioni tattiche concesse da errori o imprecisioni. Io inviterei i miei allievi, quelli di Luca Rossini e quelli di Walter Ravagnati, a cimentarsi in questo tipo di esercizi sfruttando il tempo da trascorrere – forzatamente – in casa.»