Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


15:00-00:00 da Lunedì al Sabato
09:30-00:00 Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Aprile 2019 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
  1  2  3  4  5
  8  9101112
151617181921
26
2930     

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 39 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Venerdì 19 Aprile 2019 12:29
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



Apprendista Arbitro Cercasi
Didattica - Corsi
Scritto da Fiorenza Viani   
Martedì 04 Settembre 2012 11:58

Copia_di_allievo_e_maestro_bisWalter Ravagnati, Presidente Onorario di Accademia ma, soprattutto, persona da sempre impegnata sul fronte della valorizzazione degli scacchi a livello giovanile (e non solo), lancia un tam-tam ai volonterosi scacchisti di Accademia che desiderino intraprendere la carriera di arbitro. Requisiti richiesti: buon livello di gioco, buona volontà, pazienza, interesse e disponibilità. Età richiesta: meglio se giovani (Under 20) ma nessuna preclusione per i giocatori più “attempati”. Si offre: stage sul campo con l’Arbitro Internazionale Ravagnati, disposto ad insegnare i “trucchi del mestiere” a chiunque voglia impararli. Nella foto: Walter e Federico Zermian, ultimo e valido allievo. L’offerta è aperta: avanti con le candidature!

 
Corsi di Scacchi 2012
Didattica - Corsi
Scritto da Fiorenza Viani   
Venerdì 23 Dicembre 2011 13:34

ss_quadro11Ecco i nuovi Corsi inseriti in Calendario per il periodo gennaio - dicembre 2012. Quattro Corsi Avvicinamento Gratuiti (Corso Promozionale) per principianti assoluti, due Corsi Base per principianti ed intermedi, tre Corsi Avanzati monografici ciascuno su una apertura con i Maestri Internazionali Bellia, Arlandi e Lanzani. Tutti i Corsi si tengono nelle nostre aule attrezzate con scacchiera magnetica e con computer e proiettore. Preiscrivetevi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Cavazzoni,Messa - I segreti del castello degli scacchi
Didattica - Recensioni
Scritto da Giangiuseppe Pili   
Martedì 09 Agosto 2011 15:21

cavazzoni-messaQuesto libro nasce dall’amore che proviamo per gli Scacchi, che ci hanno regalato momenti di autentica felicità.[1]

Cavazzoni, Messa.

I segreti del castello degli scacchi è un libro a scopo didattico, nel quale si possono trovare sia le regole basilari per il gioco che utili esercizi per apprendere in fretta i suoi fondamenti. Ma, forse, si tratta di qualcosa di più.

Il libro si può dividere idealmente in parti: al principio il lettore è guidato all’apprendimento dell’uso dei singoli pezzi, ciascuno dotato di una sua individualità, costruita sapientemente sulla base del concreto gioco e sul piano figurato dell’immaginazione. Tutte le figure sembrano dotate di un’anima e nessuna di esse è un impersonale pezzo di legno ma un individuo dotato di un volto e di una mente: “Bella e audace, grazie alla sua agilità la Regina è il pezzo con il maggior raggio d’azione. Al centro di una scacchiera vuota controlla ben 27 case”.[2]

 
Le Regole del Gioco degli Scacchi
Didattica - Documenti didattici
Scritto da Giorgio Chinnici   
Sabato 01 Gennaio 2011 01:00

grandprixUn depliant con tutte le regole del nostro gioco, preciso ed essenziale.

A cura degli Istruttori dell'Accademia, versione 5.

 
Mosse invisibili
Didattica - Corsi
Scritto da Mauro Torelli   
Giovedì 23 Febbraio 2012 10:34

Che cos’è che rende “invisibili” certe mosse? Immagino che tutti sappiate di cosa sto parlando: “perché non hai giocato Cxf7?”, chiede l’amico. E voi: “perché non l’ho proprio vista!”.
A noi polli succede continuamente, ma non solo a noi. Ho l’impressione che l’inconscio (o il diavolo, se odiate la psicanalisi) ci metta lo zampino forse più spesso di quel che pensiamo, a meno che non si tratti di una comoda scusa, di quelle che anche noi scacchisti, con buona pace di Primo Levi, siamo bravissimi a escogitare.

Che c’entra Primo Levi? Come, non sapete che ha scritto un racconto breve intitolato “Gli scacchisti irritabili”, in cui accomuna scacchisti, poeti e tennisti nella categoria dei “privi di pretesti”? Lo ignoravo anch’io fino a quando un amico me lo ha segnalato. Cercatevelo in rete e leggete il seguito nel pdf allegato (che riporta per comodità anche questo incipit).

 
Quei giorni perduti a rincorrere il vento…
Didattica - Corsi
Scritto da Mauro Torelli   
Lunedì 31 Ottobre 2011 11:25

Avevo pensato di intitolare “occasioni perdute”. Ma poi mi è parso più espressivo e poetico l’incipit di De André, anche se il nostro non è un amore che viene e poi va. Solo che qualche volta pensiamo di sapere tutto o quasi del nostro amore: il principio delle due debolezze, lo sfruttamento delle colonne aperte, le maggioranze e così via. E invece no: io ho imparato (forse anche ri-imparato) tante cose nuove dagli Incontri con il Maestro...

 

 
Il ruolo della Psicologia negli Scacchi
Didattica - Documenti didattici
Scritto da Ivano Pollini   
Giovedì 19 Maggio 2011 18:10

psicologia Desideriamo ringraziare SoloScacchi, a cui l'Accademia e l'Autore con molto piacere hanno concesso la pubblicazione di questo articolo.

 

Tradizionalmente la letteratura scacchistica analizza posizioni di apertura, mediogioco e finali come base fondamentale delle conoscenze del giocatore. Tuttavia non sempre lo studio e l’applicazione dei principi di scacchi è sufficiente per raggiungere l’obiettivo finale del gioco, cioè la vittoria. Infatti elementi della personalità del giocatore, quali il carattere, la volontà e l’attenzione, possono determinare il successo o il fallimento della battaglia scacchistica.

 
«InizioPrec.123Succ.Fine»

Pagina 3 di 3